LA STORIA DEL CAFFÈ

Prima del 1000 A.C.
I membri della tribù di "Galla" in Etiopia notano che ottengono una "spinta energetica" quando mangiano un certo tipo di bacca, mescolata con grasso animale.

Dopo il 1000 A.C.
I commercianti arabi portano il caffè nelle loro terre e coltivano la pianta per la prima volta in piantagioni. I chicchi vengono bolliti e creano una bevanda che loro chiamano il qahwa (letteralmente "quello che impedisce il sonno ").

1453
Il caffè è introdotto a Constantinopoli dai Turchi Ottomani. Il primo negozio di caffè del mondo, Kiva Han, si apre là nel 1475. La legge turca lo rende legale. Curioso il fatto che una donna può chiedere il divorzio se il marito non riesce a fornirle una quota quotidiana di caffè.

1511
Khair, un "signore corrotto" di Mecca, prova a vietare il caffè per timore che l'effetto della caffeina possa portare a rivolte e disordini.

1587
Lo sceicco Abd-al-Kadir scrive, " nessuno può capire la verità fino a che non beva della qualità schiumosa del caffè. "

c.1600
Il caffè, importato verso ovest da commercianti Italiani, si afferma come bevanda preferita dai signori altolocati. In Italia, il papa Clemente VIII è invitato dai suoi consiglieri a considerare la bevanda del caffè come una minaccia  dell' impero degli Ottomani. Tuttavia lui decide diversamente e la bevanda diventa "cristianamente" accettabile.

1607
Il capitano John Smith di Jamestown in Virginia, probabilmente, introduce il caffè in America del Nord.

1645
Apre in Italia il primo coffeehouse "locale caffè".

1652
Compare il primo coffeehouse "locale caffè" in Inghilterra. Altri "locale caffè" si moltiplicano e si trasformano in locali di ritrovo popolari dove - anche se in modo non così istruito - nascono discussioni di buon livello culturale fino ad allora riservate solamente ad ambienti universitari. Queste discussioni vengono chiamate " dubbed of penny " (un penny che è il prezzo d'una tazza di caffè).

1668
Il caffè sostituisce la birra come bevanda principale della prima colazione della città de New York.

1668
Il coffeehouse di Edward Lloyd apre in Inghilterra ed è frequentato da commercianti ed agenti di assicurazione marittima.

1672
Apre il primo coffeehouse a Parigi

1675

Re Carlo d' Inghilterra prova a chiudere i coffeehouses, pensando che gli uomini in questo modo stavano trascurando le loro famiglie per discutere di commercio e politica bevendo una tazzina di caffè. Il suo proclama di chiusura fu revocato dopo una violenta protesta pubblica.

1685
L' esercito turco circonda Vienna. Franz Georg Kolschitsky, un viennese che aveva vissuto in Turchia, riesce, attraversando le linee nemiche, a portare in città un gran numero di soldati. I Turchi fuggendo lasciano alcuni sacchi che Kolschitsky riconosce come caffè. Li esige come sua ricompensa ed apre la prima casa del caffè dell' Europa centrale. E' lui che comincia a zuccherare e a correggere con il latte la bevanda estratta dal caffè.

1713
Sono i Tedeschi che offrono a Luigi XIV Re di Francia un cespuglio del caffè da cui poi verrà prodotta l' intera industria occidentale del caffè. E' il 1723 quando un ufficiale navale francese Gabriel Mathieu deClieu ruba alcuni sacchi di sementi di caffè e li trasporta in Martinica. In 50 anni, da un' indagine ufficiale, vengono contate oltre 19 milioni di piante del caffè in Martinica

1721
Il primo coffeehouse apre a Berlino.

1727
L' industria brasiliana del caffè comincia a muovere i primi passi quando il tenente il colonnello Francisco de Melo Palheta è inviato dal suo governoin Guiana per arbitrare una disputa fra le colonie francesi ed olandesi.

Oltre che a risolvere la disputa, il Tenente Colonnello si invaghisce della moglie del Governatore Guiana francese. Fino ad allora la Francia era riuscita a custodire e proteggere le piantagioni di caffè nel tentativo di monopolizzare la coltura del caffè. Sarà la signora, regalando al Tenente Colonnello dei semi fertili nascosti in un mazzo di fiori al momento del saluto, a "tradire" il suo paese e a dare il via alla coltivazione del caffè in Sud America.

1732
Johann Sebastian Bach compone il suo Kaffee Kantate. Si tratta di una "ode al caffè" ... alcuni passi parlano di " ...come il caffè ha un dolce sapore! Più bello di mille baci, più dolce che il vino del moscatello! .... "

1773
Il partito del tè di Boston rende il caffè " un dovere patriotico" in America.

1775
In Prussia Frederick le prova tutte per impedire le importazioni di caffè verde, ma la gente ha un'altraidea.

inizio 1900
In Germania, il caffè di pomeriggio si transforma in un'abitudine popolare.

1901
Il primo caffè solubile è inventato dal chimico Satori Kato del Japanese-American di Chicago.

1903
L' importatore tedescodi caffè Ludwig Roselius mette in commercio una serie di chicchi di caffè tostati; i ricercatori tentano di perfezionare il processo per eliminare la caffeina dai chicchi senza distruggerne il sapore. Questo tipo di caffè viene messo sul mercato sotto il marchio " Sanka " (una contrazione francese del termine caffeina). Sanka è importato negli Stati Uniti nel 1923.

1906
George Washington, un chimico inglese che vive nel Guatemala, nota una condensa polverosa che si forma sul becco delle sue caraffe d'argento di caffè. Dopo vari esperimenti, crea il primo caffè solubile "mass-produced" (la sua marca è chiamata CAFFE' DEL RE)... ne seguono altre dozzine di marche.

1938
Arriva dal Brasile la soluzione alla eccedenza del caffè. La nestle sviluppa Nescafe e lo importa in Svizzera.

1940
Gli Stati Uniti importano il 70 per cento del raccolto del caffè del mondo.

1942
Durante la "Seconda Guerra Mondiale", i soldati americani hanno il caffè nei loro kit di razione.

1948
In Italia, Achille Gaggia perfeziona la sua macchina di espresso. Cappuccino è il nome che viene dato alla bevanda per la rassomiglianza del relativo colore agli abiti dei monaci dell' ordine dei Cappuccini.

1951
Il consumatore prova i primi caffè solubili.

1980
Claudio Manzo comincia la sua attività in un piccolo negozio .

Stralcio dalla rivista Utne, No.66, Nov./Dec. 1994; pagina 58-65.

 

PRODOTTO E CONFEZIONATO DALLA

nello Stabilimento di 
Via Tiburtina Valeria, 170/3
65129 PESCARA - ITALY
tel: +39.0854311689 fax: +39.0854309929
cell: +39.3389563350
Email posta@mokare.com

Mappa interattiva



Click for Pescara Forecast